giovedì 17 novembre 2011

ECAT.com - Cold Fusion Revolution

L'Energy Catalyzer (ECAT) di Andrea Rossi sembra essere pronto, funzionante, e sul nuovo sito "ECAT.com" si può addirittura ordinare.
Che sia l'inizio di una "rivoluzione" energetica?

4 commenti:

  1. Oggi con l'elettricità o il gas utilizziamo una caldaia dotata sempre di un termostato che permette di attivarla o disattivarla a seconda della temperatura dell'acqua che si vuole ottenere.
    Con l'ECAT questo non è conveniente, perchè se si spegne, ogni volta bisogna ripartire dall'inizio, riscaldare l'acqua e portarla almeno a 70°affinchè sia in grado di autosostenersi.
    Premesso questo l'ECAT dovrebbe sempre essere mantenuto ad una certa temperatura affinchè il processo possa continuare, per cui sarebbe opportuno sfruttare l'energia prodotta per processi continui ( ad esempio : produrre
    energia elettrica da immettere in rete) e utilizzare solo una parte dell'energia per i consumi di acqua calda per riscaldamento e utilizzo domestico.

    RispondiElimina
  2. io ci vedo pure un generatore di elettricita per auto elettriche . . . auto che vanno senza carburante e non inquinano . . . sarebbe una vera svolta . .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'interessante prospettiva di ricerca...

      Elimina
  3. speriamo che sia la volta buona! ryky

    RispondiElimina